Castelli medievali, torri, rocche e fortifizazioni in Sardegna

In Sardegna sono presenti bellissimi esempi di castelli e torri:


Castello dei Malaspina
in cima al colle di Serravalle 81 metri s.l.m, sorge il castello che deve il suo nome ai Malaspina, deve questo appellativo alla tradizione secondo cui sarebbe stato costruito nel 1112 dall'omonima famiglia di nobili toscani arrivati nell'isola alla metà dell'XI secolo. L'intero complesso del castello di Serravalle occupa un ettaro, all'interno di esso si erge il castello dell'ampiezza di 2000 mq.
si erge il castello di Serravalle. Comunemente denominato castello dei Malaspina, deve questo appellativo alla tradizione secondo cui sarebbe stato costruito nel 1112 dall'omonima famiglia di nobili toscani trapiantati nell'isola alla metà dell'XI secolo. i quali qui fecero erigere alcune torri.
Più tardi preferirono rimpiazzarle con una singola, alta e possente, alla quale furono successivamente aggiunte torri minori a pianta quadrata e a pianta pentagonale
All’interno si segnala la vasta piazza d’armi che ospita la quattrocentesca chiesa di Nostra Signora di Regnos Altos.
Siliqua.

Castello di Acquafredda
Il colle di Acquafredda e il suo castello medievale si erge la valle del Cixerri, in un luogo rilevante per la fauna e la flora.

La tradizione attribuisce la costruzione del castello di Acquafredda ai conti della Gherardesca, nel famigerato Ugolino, ricordato nell'Inferno dantesco, l'impianto della fortificazione si può collocare per via ipotetica nella prima metà del XIII secolo.
La fortificazione si articola su tre livelli: il borgo, la torre cisterna e il castello. Il borgo era la parte più bassa di tutto il complesso ed era costituito da una serie di ambienti per ospitare stalle e magazzini, servi, truppe.
Il tutto era difeso da una cinta muraria merlata, lunga 80 metri, nella quale sono stati individuate le tracce del cammino di ronda e di quattro torri. Nel borgo è stata ritrovata anche una cisterna, voltata a botte e realizzata in mattoncini di laterizio.
Al secondo livello è ben visibile una torre cisterna, anch'essa voltata a botte e articolata in tre vani che potevano essere interamente riempiti d'acqua.
A 256 m di altezza si trova il castello, oggi in forte stato di degrado nonostante i ripetuti restauri. Doveva avere una pianta ad ''U'' e tre piani, di cui uno sotterraneo e due in elevato.

Laconi, Castello Aymerich
Al centro del Sarcidano, l'abitato di Laconi si trova a 550 m s.l.m., un parco nelle vicinanze di quasi 22 ettari, all'interno del quale si trovano i resti del castello Aymerich.
La tradizione riporta nei resti Aymerich i ruderi del castello di Laconi appartenente alla nobile famiglia.
Oggi immerso in una bellissima vegetazione. Scavi archeologici e stratigrafie murarie hanno consentito di individuare un edificio più antico, a pianta rettangolare, attraversato da un passaggio voltato a botte.
Sul lato destro del passaggio voltato è murata un'epigrafe, che riporta una data: 1053.
Probabilmente l'epigrafe è stata reimpiegata ed apparteneva ad altro edificio, in quanto le strutture denotano tecniche costruttive del XIII secolo.
Accanto a questa sorta di torre si erge il palazzo vero e proprio, costituito da un'ampia sala a pianta rettangolare, residenza della famiglia dal XVII secolo, degli Aymerich, marchesi di Laconi.

Iglesias, castello di Salvaterra

Grande importanza per Villa di Chiesa (oggi Iglesias), ricoprì il castello di Salvaterra. Chiamato castello di San Guantino sotto il dominio della Repubblica di Pisa, fu poi ricostruito e chiamato castello di Salvaterra, dal colle su cui si erge. Proprio questa posizione, sul colle Salvaterra, aveva un grande potere offensivo e difensivo, di modo che il castello potesse essere difesa anche da un piccolo manipolo di soldati.
Da un antico disegno del 1358 viene rappresentato il castello di Salvaterra composto da una pianta quadrangolare, due torrioni angolari che rinserrano una sorta di ingresso.
Oggi sono rimasti solo ruderi dell'antica fortificazione: si salva solo una parte del lato N e del lato E, mentre quelli S e O sono ricoperti di vegetazione. Costruzioni successive hanno compromesso quello che restava del castello.



Stintino, Sardegna Castello Sanluri, Marmilla
a sinistra Stintino, a destra il Castello di Sanluri, Marmilla


Nebida, Iglesiente, Sardegna
Nebida, Iglesiente


Torre, Ghilarza
Ghilarza si trova in una zona ricca di resti archeologici, a partire dall'epoca nuragica.
La torre aragonese rimane su uno spazio verde ai margini dell'abitato, poco distante dalla chiesa di San Palmerio e da quella di San Giorgio, che viene citato nel "Condaghe di Santa Maria di Bonarcado" (XII-XIII secolo) come luogo in cui si teneva udienza per risolvere le controversie locali.

La torre di Ghilarza è una struttura robusta, che si impone per la potenza delle murature.
L'epoca della sua edificazione risale probabilmente al XVI secolo. Nel XIX secolo venne sottoposta ad adattamenti strutturali, per essere utilizzata come carcere.
La massiccia struttura si erge su un ampio zoccolo a scarpa che corre lungo tutto il perimetro. Le murature sono realizzate con blocchi di vulcanite e legati con malta.
La robustezza dell'edificio è legata alla sua funzione militare, che imponeva la necessità di sovrastare l'area circostante e di operare dalla torre in tutte le direzioni.

Particolare curiosità desta il portale O, non tanto per la sua forma a centina a tutto sesto, quanto per i cardini infissi al di sotto della soglia. Ad essi era legato un passaggio levatoio, perfettamente coerente con la sua origine difensiva.

Cagliari, Castello di San Michele

Dalla cima dell'omonimo colle si erge il castello di San Michele era la sentinella della via di accesso dall'entroterra campidanese all'abitato di Cagliari.
Il castello, si tramanda, che sia stato costruito nel XII secolo e potenziato nel XIII secolo, a difesa della capitale del regno di Cagliari,.
Nel 1324 il re Giacomo II il Giusto concede a uno dei suoi nobili, Berengario Carròs, la villa di Sinnai in feudo, con la promessa da parte del Carròs di costruire il castello di San Michele con i soldii che provenivano dalle donazioni.
Il castello oggi si presenta con tre torri angolari a pianta quadrata, raccordate da mura in parte diroccate; l'intera struttura è realizzata in calcare delle cave di Bonaria.
L'ingresso al castello, come tutta la struttura, è preceduto da un fossato che poteva essere superato solo con un ponte levatoio, di cui si trovano tracce nelle scanalature in uno degli ingressi. Tutta la struttura si erge su uno zoccolo fortemente inclinato a scarpa, costruito in bugnato.

Burgos, Castello del Goceano

Il castello di Burgos si trova ai piedi del versante sud-ovest del Monte Rasu, a 647 m s.l.m., in un punto di grande importanza per il controllo della zona.

Il castello del Goceano, scenograficamente isolato, Secondo alcune fonti, venne realizzato intorno al 1134 ad opera di Gonnario I sovrano di Torres.
Alla fine del XIII secolo passò prima nelle mani di Genova, poi alla famiglia dei Doria; alla metà del XIV secolo fu acquisito dai sovrani d'Arborea.
Intorno al 1516 il castello viene definito ancora in buono stato, mentre nel 1901 già se ne parla come di un rudere.
La struttura fortificata, dalla pianta irregolare allungata secondo le direttrici N/O-S/E, si articola in una cinta muraria, a grandi linee a forma di "U", messa in opera in pietrame misto e laterizi.
La parte bassa delle mura risale all’incirca risale al XII secolo e fu innalzata ulteriormente sotto la dominazione aragonese, nel XV secolo.
La torre, a pianta quadrata, alta circa 16 m, è a due piani,Non vi sono merli né mensole in aggetto nella parte alta della struttura. Diversi ambienti che dovevano affacciarsi nel cortile interno della struttura, dove è presente l'ingresso a una cisterna sotterraneo.

Articoli Correlati

Arte, Cultura e Tradizioni in Sardegna

Arte, Cultura e Tradizioni in Sardegna

Produzione artistica, aspetti culturali (usi, costumi, tradizioni) del popolo Sardo (Sardi) Leggi tutto -> ..

Escursioni e Tours in Sardegna

Escursioni e Tours in Sardegna

Escursioni in sardegna: in montagna, nelle isole e subacquee Leggi tutto -> ..

Flora e Fauna in Sardegna

Flora e Fauna in Sardegna

fauna terrestre, fauna marina (ittica), specie rare, uccelli, vegetazione, boschi Leggi tutto -> ..

Fondali marini della Sardegna

Fondali marini della Sardegna

flora e fauna marina, fiori, pesci, minerali Leggi tutto -> ..

Parchi e Aree protette in Sardegna

Parchi e Aree protette in Sardegna

descrizione dei Parchi Naturali (nazionali e regionali) e Aree marine Protette nel territorio sardo Leggi tutto -> ..