La Provincia di Cagliari (in sardo Provìntzia de Castèddu, loc. Provincia de Casteddu) è una provincia della Sardegna. Affacciata a sud e ad est sul Mar Mediterraneo, confina a nord con le Province di Nuoro, dell'Ogliastra e di Oristano, ad ovest le Province di Carbonia-Iglesias e del Medio Campidano.
La provincia conta 71 comuni, 543.310 abitanti (il 33,3% della popolazione sarda) e si sviluppa per 4.569 kmq (il 19% del territorio sardo).
La città di Cagliari è situata nella zona meridionale della Sardegna. Si trova in mezzo al Golfo degli Angeli, e si articola intorno alla Sella del Diavolo, e ha ad est i monti dei Sette Fratelli, ad ovest i monti di Capoterra e a nord la pianura del Campidano. Ha inoltre in comune con Roma, Lisbona e Istanbul il fatto di essere stata realizzata su 7 colli.

Il dialetto autoctono di Cagliari è il sardo (sardu), e in particolare il campidanese (campidanesu) nella sua variante cagliaritana (casteddaiu), parlato sempre meno dai giovani del luogo che prediligono utilizzare, oltre all'italiano, uno slang formato soprattutto da parole sarde italianizzate inserite ad altre italiane.
La parte storica di Cagliari si trova nell'antico quartiere del Castello situata sulla sommità di un colle e contiene le antiche origini spagnole della città.
Il monumento più importante del quartiere Castello è la Cattedrale S. Maria, nella Piazza Palazzo che domina la piazza sottostante Carlo Alberto. Il Castello è anche una interessante area panoramica da dove è possibile osservare l'intera città, sino al Golfo.

L'Anfiteatro romano e Villa di Tigellio è la testimonianza della Cagliari romana.
L'Anfiteatro romano, di forma ellittica e scavato interiormente nella roccia, si trova al termine della passeggiata del Buoncammino, in un area di elevato interesse archeologico che comprende anche la Villa di Tigellio, notevole testimonianza dell'edilizia privata romana. La chiesa paleocristiana di Saturno e le superstiti torri pisane dell'Elefante e di San Pancrazio, invece, sono opere architettoniche risalenti al periodo medioevale.

La Cittadella dei Musei è un'interessante meta turistica e culturale di Cagliari.
La Cittadella, infatti, accoglie gli Istituti Universitari di Antichità, di Archeologia ed Arte, il Museo Archeologico Nazionale, la Pinacoteca Nazionale ed, inoltre.
La provincia di Cagliari offre ampie occasione per vacanze al mare in Sardegna, nello splendido Golfo degli Angeli.
Il litorale cagliaritano, a pochi chilometri dalla città, si estende con bellissime spiagge di sabbia bianca finissima bagnate da un mare cristallino.

La spiaggia del Poetto, lunga oltre 12 km, è di straordinaria bellezza, ricca di oasi naturali protette dove è possibile incontrare fenicotteri e aironi, e di splendide grotte a picco sul mare. La spiaggia di Quartu Sant'Elena raffigura il naturale proseguimento della spiaggia del Poetto ed è una delle più importanti località turistiche di Cagliari.
La festa di S. Efisio, è una delle più importanti manifestazioni folcloristiche di Cagliari.
Nei primi giorni di maggio, le strade di Cagliari sono teatro di sfilate di centinaia di persone che vestono tradizionali costumi sardi al seguito della statua di S. Efisio.

La gastronomia di Cagliari conserva influenze genovesi e catalane. Il mazzamurru o zuppa di pane raffermo è di derivazione spagnola, mentre di origine genovese sono i primi piatti quali i gli gnocchetti sardi e maccheroni.
Il pecorino sardo e il pane frattau, zuppa di sfoglia di pane con uovo, sono tipici prodotti gastronomici della provincia di Cagliari.
I vini della provincia di Cagliari più conosciuti sono la Malvasia, il Cannonau e il Campidano, mentre il Mastino è un tipico liquore cagliaritano.
Da ricordare anche la visita dei borghi intorno al capoluogo, come Armungia si innalza su un altopiano accerchiato da boschi, macchia mediterranea e zone coltivate e percorso dal fiume Flumendosa.
La zona di Cilixiucci in particolare offre un panorama di impareggiabile bellezza su tutta la valle del Flumendosa.
Il centro storico si è sviluppato attorno ad un nuraghe, tutt'ora in ottimo stato di conservazione, risalente al XV-XIV secolo a.C. L'architettura paesana risente l'origine agro-pastorale del borgo: le case sono molto semplici e realizzate in scisto; composto da un forno a palla e nei cortili si trovano piccoli locali adibiti a magazzini o stalle.

Un altro borgo è quello di Ballao sorge su un'ampia ansa del Flumendosa, uno dei più importanti fiumi della Sardegna, ai limiti della subregione del Gerrei, al confine tra la provincia di Cagliari e quella di Nuoro. Esso si ordina entro una conca circondata da monti che guarda verso il fiume e si apre su un panorama di grande fascino.
Elemento distinguente il paesaggio di Ballao è indubbiamente il Flumendosa, insieme al suo affluente Stanali, intorno ai quali si sistema un territorio collinoso, ricoperto di boschi di sughere e lecci e di macchia mediterranea.

Risorse online:

Elenco di centri nautici per il noleggio di una barca a Cagliari.

Articoli Correlati

Arte, Cultura e Tradizioni in Sardegna

Arte, Cultura e Tradizioni in Sardegna

Produzione artistica, aspetti culturali (usi, costumi, tradizioni) del popolo Sardo (Sardi) Leggi tutto -> ..

Castelli e Torri in Sardegna

Castelli e Torri in Sardegna

Castelli medievali, torri, rocche e fortifizazioni in Sardegna Leggi tutto -> ..

Parchi e Aree protette in Sardegna

Parchi e Aree protette in Sardegna

descrizione dei Parchi Naturali (nazionali e regionali) e Aree marine Protette nel territorio sardo Leggi tutto -> ..