La Provincia di Olbia-Tempio (in sardo Provýntzia de Terran˛a-TŔmpiu, in gallurese Pruvýncia di Tarranˇa-TŔmpiu,) Ŕ una provincia della Sardegna. Affacciata a nord sul Mar di Sardegna, uno stretto canale che la separa dalla Corsica, e ad est sul Mar Tirreno, confina, ad ovest con la Provincia di Sassari, a sud con la Provincia di Nuoro.
La provincia conta 26 Comuni, 149.216 abitanti (il 9% della popolazione sarda) e si estende per 3.397 kmq (il 14,1% del territorio sardo).
In seguito alla legge regionale n. 9 del 2001 e con le seguenti integrazioni, Ŕ stata realizzata una nuova suddivisione del territorio della Regione Autonoma della Sardegna, che ha portato il numero delle province da quattro a otto. Le modifiche hanno preso piena attivitÓ a partire dal maggio 2005, quando si sono svolte le elezioni per cambiare tutti i Consigli provinciali.

La Provincia di Olbia-Tempio Ŕ una nuova provincia, formata da:24 comuni provenienti dalla Provincia di Sassari e 2 comuni provenienti dalla Provincia di Nuoro.
Il territorio provinciale abbraccia la regione storica della Gallura (con eccezione dei comuni di Viddalba ed Erula, ubicati in Provincia di Sassari), inclusa la costa nord-orientale della Sardegna (tra cui la Costa Smeralda), l'Arcipelago della Maddalena. Sono inoltre incluse nella Provincia la parte settentrionale della regione storica del Montacuto, una piccola parte della Baronia e il versante orientale del Lago del Coghinas.
ParticolaritÓ di questa provincia Ŕ che in Gallura si parla maggiormente il gallurese, un dialetto essenzialmente corso che si avvicina pi¨ particolarmente al dialetto oltramontano (Suttanacciu) parlato nella parte sud della Corsica (Alta Rocca e Sartene). La sua pi¨ antica documentazione letteraria risale ai primi decenni del Settecento ed Ŕ formata da elaborati poetici, che fanno pensare alla formazione del dialetto in epoca sicuramente anteriore, causa la graduale perdita del precedente logudorese, dal quale deriva ancora oggi circa il 20% del lessico gallurese.
Il gallurese Ŕ parlato a Tempio Pausania e in generale in quasi tutta la Gallura da Badesi a San Teodoro, fatta esclusione per Olbia, Luras, parte dell'agro di Golfo Aranci e di Budoni.
In queste ultime localitÓ e nel resto della provincia ovvero Berchidda, Padru, Monti , AlÓ dei Sardi, Oschiri e Buddus˛ si parla la lingua sarda nella sua variante logudorese settentrionale.
ParticolaritÓ di questa provincia Ŕ che in Gallura si parla principalmente il gallurese, un dialetto essenzialmente c˛rso che si avvicina pi¨ particolarmente al dialetto oltramontano (Suttanacciu) parlato nella parte meridionale della Corsica (Sartene e Alta Rocca).

La sua pi¨ antica documentazione letteraria risale ai primi decenni del Settecento ed Ŕ costituita da componimenti poetici, che fanno pensare alla formazione del dialetto in epoca senz'altro anteriore, causa la progressiva perdita del preesistente logudorese, dal quale deriva ancora oggi circa il 20% del lessico gallurese. Il gallurese Ŕ parlato a Tempio Pausania e in generale in quasi tutta la Gallura da Badesi a San Teodoro, fatta eccezione per Olbia, Luras, parte dell'agro di Golfo Aranci e di Budoni. In queste ultime localitÓ e nel resto della provincia ovvero Berchidda, Monti, Padru, AlÓ dei Sardi, Buddus˛ e Oschiri) si parla la lingua sarda nella sua variante logudorese settentrionale.

La storia dellĺautonomia del territorio Ŕ stata composta nel periodo medioevale dal Giudicato di Gallura con capitale a Civita (oggi Olbia) all'epoca contenente oltre all'attuale Gallura e parte del Monte Acuto, la Baronie e parte del Nuorese. Con la scomposizione della struttura giudicale e dopo il periodo spagnolo, la Gallura viene divisa e infeudata a diversi gruppi familiari iberiche.
L'origine della Provincia risale al Regio Editto del 1807 con il quale, dopo l'unione del Regno di Sardegna al Piemonte, l'isola Ŕ stata divisa in quindici Prefetture tra cui quella storico-geografiche della Gallura e dell'Anglona, con sede a Tempio.
Nel 1821 Carlo Alberto riduce il numero delle province a dieci che diventano undici nel 1833 quando viene istituita la "Provincia Gallura" con capoluogo a Tempio.

Rinominata "Provincia di Tempio" era allora la provincia pi¨ grande dell'isola con 2138 km▓, comprendendo proprio i territori che vengono definiti come regione storica della Gallura (dal Coghinas a San Teodoro).
Con l'unitÓ d'Italia nel 1859 la Sardegna viene suddivisa in sole due province (Cagliari e Sassari) abbassando le disciolte province allo status di circondario, luogo di sottoprefettura.

Nella seconda metÓ del '900 si sono evidenziate le rivendicazioni per l'autonomia di questo territorio dalla provincia di Sassari (la pi¨ grande d'Italia), anche allĺ'enorme sviluppo turistico ed economico della costa gallurese.
La soluzione Ŕ stata risolta alla fine degli anni '90 con la scelta di una soluzione che portasse la doppia denominazione dell'ente del doppio capoluogo (Olbia-Tempio).
La provincia di Olbia-Tempio che Ŕ divenuta operativa nel maggio del 2005 separandosi da quella di Sassari e da quella di Nuoro.

Risorse online:

Informazioni sui centri nautici per il noleggio di imbarcazioni ad Olbia.